Archivio: Stanza 43

Dalla gola del leone

La scena del lettore interpellato dal suo autore mentre si muove all'interno dei tram o cerca di adagiarsi sul divano di casa con il suo libro in mano  è a noi alquanto familiare e risponde, in parte, alle esigenze legate ad una o, meglio, a più definizioni di 'lettura'. Ma è nel passaggio dal concetto di lettura a quello di critica che si mostra la patina, appena percettibile, di distinzione tra le due funzioni. Un testo ...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditDigg thisShare on StumbleUponShare on TumblrEmail this to someoneCondividi

L’E-book e il futuro del libro

Come non immaginare in questi anni di trasformazioni tecnologiche la possibilità di veder rivoluzionate quasi tutte le  nostre abitudini, quelle a cui per nulla al mondo penseremmo mai di rinunciare? E’ chiaro che non si tratta in tal caso di vedercele sottrarre, ma solo di vedere modificate la forma in cui queste fino ad ora sono state preservate. Tra le svariate abitudini, come non pensare alla lettura nel passaggio secolare dalla carta al digitale? Ci invita a ...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditDigg thisShare on StumbleUponShare on TumblrEmail this to someoneCondividi

Cronache di Poesia del Novecento

Cronache di Poesia del Novecento di Maurizio Cucchi (Gaffi Editore, 2011). Testimonianza letteraria, documentazione cronachistica, il libro di Maurizio Cucchi si offre ai lettori  come  vero e proprio documento. Il libro si divide in più parti: nella prima il lettore si trova a sfogliare una raccolta di riflessioni letterarie costituite da saggi che vanno dal 1974 fino al 1990;  nella seconda,  denominata Schede, sono presenti gli scritti elaborati tra il 1984 e il 2004; la terza contiene ...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditDigg thisShare on StumbleUponShare on TumblrEmail this to someoneCondividi

Proust : Du côté de chez Ruskin (II)

Nella presentazione che fa Jean Autret, autore del testo L’influence de Ruskin sur la vie, les idèes et l’oeuvre de Marcel Proust , quella che viene realizzata non è una biografia di Ruskin meccanicamente scandita. Autret, attingendo le informazioni dal testo critico di La Sizeranne, ci mette a conoscenza del fatto che Ruskin per una naturale predisposizione (se non congenita) divenne professore d’arte. Il critico francese accenna all’infanzia di Ruskin ponendo i riflettori sulla ...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditDigg thisShare on StumbleUponShare on TumblrEmail this to someoneCondividi

Proust : Du côté de chez Ruskin

Mentre si accingeva a scrivere una delle più suggestive commemorazioni della Recherche (con i temi delle epifanie e delle intermittenze proustiane, puntando sul metodo critico ebraico),  Giacomo Debenedetti attribuiva  alla figura di Swann  una valenza  iper-significativa nell’identificazione del narratore con i suoi personaggi. E se per, e da,  Debenedetti  una personalità chiave diviene quella di Swann, nell’esistenza del Proust intellettuale una figura influente è quella rappresentata da  John Ruskin. Il parallelismo tra le due personalità, ...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on RedditDigg thisShare on StumbleUponShare on TumblrEmail this to someoneCondividi
Galleria virtuale
Gianni_Berengo_Gardin_Visorehopper_morninghopperhopper-chop-sueyEdwardHopperedward_hopper_summer_interiorBerengo GardinBerengo Gardinedward_hopper